Sommario

In questo primo articolo troverai informazioni sul ciclo, la riproduzione e i requisiti crescenti della pianta di cannabis. È una panoramica della crescita della marijuana, dal seme al raccolto. Presto aggiorneremo e pubblicazioneremo nuovi contenuti!

Coltivare cannabis a casa non è affatto difficile ed è molto gratificante, ma richiede un po ‘di conoscenza e sforzo.

Piante di cannabis

Quindi, da dove iniziare quando si coltiva cannabis? Parliamo della pianta.

Le piante di cannabis possono essere maschi, femmine o ermafrodite. Ciò significa che ogni pianta ha organi riproduttivi maschili o femminili. Le piante di cannabis femminile producono fiori femminili o “gemme” e, per produrre semi, devono essere impollinati da una pianta di cannabis maschile.

Quando le piante femminili sono private del polline vegetale maschile, producono gemme più grandi e più grasse senza semi in esse. Questi sono di solito chiamati “sinsemilla” (“nessun seme” in spagnolo) ed è il prodotto più comunemente trovato nei dispensari, nei negozi e nelle rese di coltivazione domestica allo stesso modo.

bocciolo di cannabis stagionato
Bocciolo di cannabis stagionato. PH: David Cardinez

La riproduzione della pianta di cannabis può essere sessuale o asessuata.

Piante di cannabis femminile

Le piante di cannabis femminile producono infiorescenze (grappoli di piccoli fiori) o “gemme”. Queste gemme contengono la più grande concentrazione di cannabinoidi nella pianta. Ecco perché molti coltivatori hanno messo tutti i loro sforzi nella raccolta delle gemme più grandi e gelide.

Le piante di cannabis di solito iniziano a mostrare sesso con pre-fiori, intorno alla settimana 4-6 dal seme. I pre-fiori femminili sembrano un paio di peli bianchi. Infatti, i pistilli o “peli” sono le strutture riproduttive femminili della pianta ed è lì che producono i semi.

Ulteriori informazioni…

Fase di fioritura tardiva della pianta di cannabis
Pianta di cannabis – fase di fioritura tardiva.
PH: Robert Baker

Piante di cannabis maschili

Le piante di cannabis maschili producono fiori maschili, ma non sono in grado di produrre gemme. Questi fiori maschili sembrano piccole “palle” o “banane” e contengono granelli di polline, ma nessun tricomio. I grani di polline contengono gameti maschili (spermatozoi). Per farla breve, quando il polline trova pistilli compatibili, lo sperma viene trasferito all’ovulo e la pianta femminile inizia a produrre semi.

Ulteriori informazioni…

Pre-fiori di cannabis femminile e maschile

Hermaphrodite Piante di cannabis

Le piante di cannabis sono fondamentalmente dioiose (hanno organi sessuali maschili e femminili in individui separati), ma a volte possono verificarsi piante di cannabis monoeci e sono comunemente chiamate “ermafroditi” o “ermie”. Queste piante hanno organi sia maschili che femminili nello stesso individuo. In realtà, esistono due tipi di piante di cannabis monoeci:

I “veri ermafroditi” hanno organi sia maschili che femminili ma in diverse parti della pianta.

Le “piante di genere misto” hanno organi sessuali simili a “banane” o “nanner ” checrescono da piante femminili. Queste “banane” sono in realtà sacche di polline e possono impollinare se stesse e persino le nostre piante femminili.

L’eufroditismo non è desiderato nelle colture di cannabis. La maggior parte dei coltivatori eserti le piante di erma afrodite immediatamente dopo averle identificati.

Ulteriori informazioni…

Hermaphrodite Cannabis pre-fiori

Alcuni fattori che portano all’enfafroditismo sono:

  • stress vegetale
  • alte temperature
  • carenze nutrizionali
  • marciume radicale
  • perdite di luce nei periodi bui
  • cattiva genetica
Visualizzazione Home dell'app "Grow with Jane"

“Grow with Jane”, l’app per la coltivazione domestica della cannabis.

Tieni traccia delle tue attività e alberi.

Pianifica in anticipo impostando promemoria ripetibili .

Ottenere intuizioni intelligenti personalizzato per il tuo raccolto.

Condividi il tuo lavoro con una comunità di individui affini mentre imparare a crescere meglio.

Ottieni Grow with Jane

Semi di cannabis

Sesso vegetaleFioritura
Regolarefotoperiodico
FemminilizzataAutomatico

Semi di cannabis regolari

Coltivare semi di cannabis regolari è uno dei modi più popolari e semplici per coltivare piante di marijuana. È più facile trovare e produrre semi di cannabis regolari, e sono ovviamente più economici dei semi femminizzati. Questi semi possono produrre piante maschili o femminili.

Semi di cannabis femminizzati

Molti coltivatori acquistano semi di cannabis femminizzati e iniziano le loro colture sapendo che allevano solo piante femminili. Lo fanno per evitare di sprecare risorse e dover aspettare che il seme normale mostri il suo sesso. I semi di cannabis femminizzata produrranno solo piante femminili. Possono essere costosi ma sai che le tue risorse (fertilizzanti, luce, suolo, spazio …) vengono utilizzate a pieno regime nelle piante che svilupperanno fiori di cannabis femminili.

La cannabis è una pianta annuale, il suo periodo di fioritura è determinato dalle stagioni e quando il ciclo termina, la pianta muore. Il fotoperiodismo è una risposta allo sviluppo ai cambiamenti di durata nei cicli dei periodi di luce e buio.

All’aperto, le piante di cannabis germogliano in primavera e crescono nella fase vegetativa durante la primavera e l’estate, quando iniziano a fiorire. Quando l’autunno sta arrivando e i giorni iniziano a accorciarsi, le piante di cannabis smettono di crescere di dimensioni e sviluppano invece grasso, gemme resinose, nel tentativo di essere impollinati.

sacchetto sigillato di semi di cannabis

Semi di cannabis fotoperiodici

La cannabis, secondo la sua risposta fotoperiodica, è considerata una pianta di breve giornata. Ciò significa che inizia a fiorire e produrre gemme invece di crescere in dimensioni in autunno quando le giornate si accorciano. Per replicare questo processo all’interno, i coltivatori accorciano il periodo di luce di solito da 18 ore di luce e 6 ore di oscurità (18/6) a 12 ore di luce e 12 ore di oscurità (12/12).

Se la pianta continua a vivere sotto un regime di luce 18 / 6 ore, rimarrà nella fase vegetativa e non inizierà a fiorire. Questa è una buona idea se stai coltivando piante madre per la clonazione.

Semi di cannabis autofiorenti

I semi di cannabis autofiorenti producono piante femminili che non hanno bisogno di condizioni fotoperiodiche per passare dalla fase vegetativa alla fase di fioritura. Sono progettati per iniziare la fioritura in un periodo di tempo prefissato, nonostante le condizioni ambientali e gli stimoli luminosi. Questo rende Autoflowering Cannabis una buona scelta per i coltivatori principianti perché non devono preoccuparsi di indovinare se la pianta è maschio o femmina o quando cambiare il fotoperiodo. Hanno cicli di vita fissi e più brevi in modo che si sviluppino più velocemente dei ceppi fotoperiodici.

Clonazione di cannabis

Coltivare cannabis senza semi non è solo possibile, ma in realtà un modo efficace di coltivare piante di cannabis.

I coltivatori di solito clonano la pianta che ha i loro tratti preferiti e / o quella che sembra più sana. Questa pianta dovrebbe essere nella terza o quarta settimana di crescita vegetativa. I coltivatori di solito prendono le talee prima che appaiano i pre-fiori. I cloni hanno la stessa età della loro madre, quindi queste talee possono essere messe in fiore una volta stabilite, anche se sono minuscole; oppure puoi lasciarli crescere quanto vuoi prima di metterli in fiore. I coltivatori si guardano a questi tratti per prendere la loro decisione: gusto / aroma, vigore, resa, potenza e aspetto.


Requisiti per la coltivazione della cannabis

Mezzo di crescita

Le principali funzioni e esigenze di un mezzo di crescita sono: fornire supporto fisico alla pianta, consentire la respirazione radicale e trattenere l’acqua e i nutrienti disponibili per la pianta. Finché le radici hanno uno spazio ragionevole, la giusta quantità di acqua, una buona aerazione e nutrienti disponibili, la tua pianta crescerà costante e sana. Se manca uno di questi fattori, la pianta è destinata a sperimentare problemi crescenti.

Un terreno di coltura, noto anche come substrato, è il materiale o la miscela in cui le radici della tua pianta crescono e prosperano, ad esempio, terreno, cocco, acqua, ecc.

Coltivare cannabis nel suolo

Il mix di suolo è un ottimo mezzo per iniziare a crescere, a condizione che abbia il giusto equilibrio tra solidi (materia organica e inorganica) e spazi vuoti, dove scorreranno aria e acqua. L’aerazione è un fattore chiave per mantenere le radici sane. Per evitare la compattazione del suolo, è necessario aggiungere materiali come perlite, vermiculite o cocco di cocco in modo che le radici possano svilupparsi in spazi pori tra le particelle solide.

Preparazione del terreno Coltivazione di cannabis
Preparare il terreno. PH: Neslihan Gunaydin

Ci sono molti mix commerciali di terreno con sostanze nutritive aggiuntive, quindi non devi preoccuparti di applicare ulteriori all’inizio. Puoi anche preparare il tuo mix di terreno e aggiungere i nutrienti necessari per ogni fase.

Coltivazione di cannabis in coltura idroponica

Coltivare cannabis senza suolo è possibile ed è uno dei metodi più produttivi per ottenere grandi rese in pochi mesi.

È difficile coltivare cannabis in idroponica? Niente affatto, ma richiede un investimento iniziale in tempo e set up, e qualche cura in più.

Piantine di cannabis nel sistema idroponico
Piantine di cannabis in un sistema idroponico.
PH: Alicia M

“Idroponica” include molti metodi popolari ed efficaci di coltivazione della cannabis, in cui le radici delle piante sono esposte a una soluzione d’acqua infusa di nutrienti e pompata ad aria. È possibile scegliere tra diverse configurazioni, ad esempio coltura di acque profonde, riflusso e flusso o sistema di gocciolamento per nominarne alcune. Ci sono anche molti tipi di substrati per aiutare le radici ad ancorarsi, come perlite, ciottoli di argilla e Roccia.

Questi metodi sono noti per fornire un rendimento più veloce e abbondante, ma richiedono un maggiore investimento di tempo e denaro. Nel processo, dovrai monitorare e tenere traccia dell’assunzione dei nutrienti vegetali, controllare le variazioni di temperatura, pH e ppm tra gli altri fattori.

Coltivazione di cannabis in fibra di cocco

La fibra di cocco è composta da fibra di buccia di cocco ed è nota per essere un eccellente mezzo di crescita. Può essere usato da solo o mescolato con terreno e perlite per una migliore aerazione. È bello evitare la compattazione del suolo e trattenere acqua e sostanze nutritive senza annegare le radici. Poiché il cocco coco è un mezzo inerte, è fondamentale aggiungere la giusta quantità di nutrienti per ogni fase per nutrire le piante se usato da solo.

acqua

La qualità dell’acqua varia MOLTO a seconda della tua posizione.

Può andare dall’acqua dura (alto contenuto di minerali disciolti) o dall’acqua dolce (pochissimo contenuto minerale o nessuno). Testare il pH dell’acqua è fondamentale, indipendentemente dalla fonte.

La cannabis ama una lettura del pH tra 6-7.

Acqua del rubinetto

L’acqua del rubinetto o del pozzo è generalmente ok per quanto riguarda ha livelli di pH corretti (potrebbe essere necessaria una piccola regolazione) e un ppm basso. Normalmente contiene minerali come calcio, magnesio, ferro e rame di cui la pianta può fare uso. Al contrario, l’acqua filtrata, ad esempio da RO (Reverse Osmosis), potrebbe non avere più minerali. L’acqua dura non è raccomandata per annaffiare qualsiasi pianta e non è raccomandata per i cloni.

Acqua osmosi inversa

Coltivare cannabis con acqua RO è un’altra opzione popolare nei luoghi in cui l’acqua dolce pulita è una risorsa scarsa. L’osmosi inversa è un metodo di filtrazione che può rimuovere fino al 95-99% dei sali disciolti in qualsiasi campione d’acqua. È possibile utilizzare acqua filtrata dall’osmosi inversa, ma PH può essere più difficile da regolare. Dovrai aggiungere tutti i micro e macronutrienti necessari alla soluzione di irrigazione.

Nutrienti

I principali fertilizzanti che la pianta di cannabis deve sviluppare sono azoto (N), fosforo (P) e potassio (K).

N è fondamentale durante la crescita vegetativa, con livelli più bassi di P e K. Quando la pianta inizia a fiorire, le concentrazioni di P e K devono essere aumentate progressivamente, mentre le concentrazioni di N vengono abbassate. Ecco perché ci sono fertilizzanti specifici per la crescita vegetativa e la fioritura.

Altri nutrienti secondari saranno necessari per il corretto sviluppo della pianta. Si tratta di magnesio (Mg), calcio (Ca) e zolfo (S).

Infine, i micronutrienti sono necessari ma in una concentrazione minima. Si tratta di Zinco (Zn), Manganese (Mn), Ferro, (Fe), Boro (B), Cloro (Cl), Cobalto (Co), Rame (Cu), Molibdeno (Mb) e Silicio (Si).

Diverse marche di fertilizzanti offrono kit di fertilizzanti appositamente formulati per ogni fase con i nutrienti necessari. Si consiglia di iniziare con la dose indicata dal produttore o anche un po ‘più bassa per evitare la saturazione e aumentare gradualmente le quantità fino a raggiungere i risultati desiderati. Fai attenzione che se superi le quantità richieste, la pianta può soffrire di stress, danni e persino morire per eccesso di fecondazione.

Questi kit fertilizzanti portano già nelle loro formule tutti gli elementi chimici essenziali e sono in una forma a disposizione dell’impianto. Particolare attenzione deve essere presa con la qualità dell’acqua di irrigazione e il substrato iniziale. La pianta ha bisogno di un mezzo di crescita che fornisca supporto, nutrienti e aerazione delle radici per poter assorbire l’acqua e la soluzione di fertilizzante scelta.

Leggero

Le colture di cannabis all’aperto prosperano sotto la luce del sole, ma che dire delle colture di cannabis indoor?

Prima di tutto, le lampadine a incandescenza non sono raccomandate per la coltivazione della cannabis in qualsiasi fase.

Pianta di cannabis fiorita al chiuso
Pianta di cannabis che fiorisce all’interno.
PH: Micripper

Questi sono i tipi di lampade più utilizzati per la coltivazione della Cannabis

Luci fluorescenti (CFL)

Queste sono una delle lampade più economiche ed efficaci per la coltivazione della cannabis. Consumano meno elettricità rispetto ad altre opzioni e producono meno calore, hanno uno spettro luminoso adeguato. Queste lampade sono adatte per le giovani piante perché non le bruceranno. Producono meno resa rispetto alle luci a LED ma sono molto più economiche.

Luci di crescita a scarica ad alta intensità (HID)

Gli HID più popolari per la coltivazione domestica della cannabis sono l’alogenuro di metallo (MH) per lo stadio vegetativo. e sodio ad alta pressione (HPS) per la fase di fioritura. Di solito vengono con un riflettore e una zavorra. Sono più costosi delle luci CFL e producono molto calore, quindi la ventilazione è fondamentale per ottenere buone rese in spazi ridotti utilizzando queste luci.

Luci a LED

Coltivare cannabis con luci a led è diventata una tecnica molto popolare negli ultimi anni. I pannelli luminosi a LED al giorno d’oggi sono forniti con uno spettro completo di luce necessario per l’impianto per l’intero ciclo e producono rese più abbondanti rispetto ad altre opzioni. Non producono molto calore o rumore e sono molto resistenti, ma possono essere costosi all’inizio. Le luci di coltivazione a LED sono disponibili in diverse presentazioni e spetta a ciascun coltivatore trovare la propria configurazione perfetta.

Aumenta la distanza della luce: fino a che punto posizionare una luce di coltivazione dalle tue piante

Suggerimento: fai sempre il “test a mano”, mettendo le mani sulla parte superiore delle tue piante per 30 secondi. Se sembra troppo calore per la tua mano, probabilmente è troppo anche per la pianta, quindi alza la lampada fino a quando non si sente caldo ma non caldo. Saprai che stanno ricevendo troppa luce, perché le foglie sembrano arricciate e bruciate. In tal caso, alza le luci e fai anche il “test a mano”.

Saprai che le tue piante stanno diventando molto leggere se vedi le foglie del ventilatore che si alzano verso la luce invece di essere nella loro normale posizione semi-orizzontale. Ciò significa che è necessario posizionare quella luce un po ‘più lontano. In caso di mancata lavorazione, le colas superiori bruciano o le tue piante si stressano e crescono a un ritmo più lento. Inoltre, cerca segni di sbiancamento (foglie che divano il bianco) e se ne vedi uno, c’è un altro segno che devi spostare le luci verso l’alto.

Aria

L’aerazione è fondamentale per qualsiasi pianta per crescere sano e le piante di cannabis non fanno eccezione. Crescere all’aperto non presenta problemi. In un ambiente interno è fondamentale avere un buon ventilatore di scarico, una costante presa d’aria fresca e un ventilatore extra per spostare l’aria all’interno dell’ambiente. Le piante cresceranno più sane e più forti.


Ciclo di vita delle piante di cannabis

Quando stiamo per iniziare a coltivare cannabis, facciamo tutti la stessa domanda: quanto tempo ci vuole dal seme alla raccolta? Vogliamo vedere i risultati (gemme) il prima possibile. Se stai crescendo al chiuso, il processo è molto più breve e puoi persino controllarlo a tuo piacimento. Se stai crescendo all’aperto, la pianta vivrà per diversi mesi lungo il suo ciclo di vita naturale.

Risposta breve: la cannabis può richiedere da 3 a 5 mesi per crescere al coperto e fino a 8 mesi all’aperto.

Germinazione dei semi di cannabis (da 3 a 10 giorni)

Inizia così la vita della pianta di cannabis. Un seme vitale sembra marrone con alcune strisce, duro al tatto e asciutto. Se si sente debole o è bianco o verde chiaro, è probabilmente un seme non sviluppato e non produrrà una pianta sana.

Per la germinazione, i semi di cannabis hanno bisogno di un po ‘di umidità, aria e acqua. È meglio tenerli in un luogo buio e umido, ad esempio tra due piatti in un tovagliolo umido. Quando il seme si apre e inizia a mostrare la prima radice del rubinetto bianco, è il momento di metterlo nel suo prossimo mezzo di crescita. Questa radice inizia a svilupparsi e alla fine la pianta produce le due prime foglie ovali, chiamate cotyledons. Ora è una piantina!

radice del rubinetto di germinazione dei semi di cannabis

Fase di piantina (da 2 a 3 settimane)

La piccola pianta di Cannabis inizia a produrre foglie seghettate, ma non le foglie digitate che tutti conosciamo, solo singoli volantini seghettati. Man mano che la pianta cresce, iniziano a svilupparsi nuove foglie con più volantini fino a quando la pianta produce le caratteristiche foglie digitate con bordi seghettati che tutti possiamo identificare come foglie di ventaglio di cannabis. Quando compaiono queste foglie, la pianta entra nella fase vegetativa.

Stadio vegetativo (da 3 a 16 settimane)

Il tempo per il palcoscenico vegetativo all’interno è all’altezza delle tue preferenze. La maggior parte dei coltivatori vegeta le proprie piante d’appartamento per 4-8 settimane, a seconda delle dimensioni della pianta desiderate. Le piante di cannabis sono in grado di iniziare a fiorire dalla terza settimana della fase vegetativa, ma quelle piante saranno più piccole. Dare alle tue piante più tempo vegetativo si tradurrà in piante più grandi e più probabilità di produrre rese più elevate. La maggior parte dei coltivatori sceglie di lasciare che le piante vegetano più a lungo perché dà loro più tempo per coltivare risultati in piante più grandi.

Per entrare nella fase di fioritura nelle colture indoor, il fotoperiodo deve essere cambiato in un programma di 12 ore di luce / 12 ore di oscurità.

Fase di fioritura (da 8 a 11 settimane)

Le fasi di fioritura e fioritura sono essenzialmente la stessa cosa, ma in quelle 7-9 settimane, le piante attraversano molti cambiamenti. Di solito è diviso in settimane o tre fasi.

Fase di iniziazione alla fioritura

Dalla settimana 1-3 le piante si allungano e crescono in dimensioni e altezza, iniziano a fiorire (producendo pre-fiori o “capelli”). Questo è il momento migliore per addestrare le tue piante se vuoi farlo.

Fase di fioritura intermedia

Dalla settimana 4-5 le piante smettono di crescere di dimensioni e iniziano a crescere, ingrassando le loro gemme e oscurando i loro pistilli.

Fase di fioritura tardiva / maturazione

Nelle ultime tre settimane, i boccioli guadagnano più peso. Inizia a controllare i tricomi per i segnali o la maturazione per sapere quando raccogliere. Ricordati di sciacquare le tue piante prima del raccolto.

Si consiglia di leggere la descrizione di ogni ceppo e seguire le loro istruzioni in crescita. Inizia a monitorare i tricomi e i pistilli intorno alla settimana 7 con una lente d’ingrandimento o un loupe.

Quanto dura la fase di fioritura?

La durata della fase di fioritura varia tra i diversi ceppi.

Il periodo di fioritura per i ceppi indica è in genere di circa 8 settimane, ma potrebbero essere impiegate fino a 10 settimane. I ceppi sativa possono richiedere fino a 10-12 settimane. In genere, i ceppi ibridi richiederanno fino a 6-10 settimane per svilupparsi completamente.

Intorno alla settimana 8 della fase di fioritura, i boccioli inizieranno ad ingrassare rapidamente. Vedrete che tricomi e pistilli stanno maturando e cambiando colore. Spetta a ogni coltivatore il momento della raccolta, a seconda degli effetti e dei sapori desiderati. Di solito, quando i tricomi diventano trasparenti a un colore lattiero / bianco -ish (e forse il 10% di loro diventano ambra), la tua pianta è pronta per la raccolta.

Tieni traccia del tuo raccolto con Grow with Jane

Ti piacerebbe tenere traccia delle tue colture e conoscere come segnalare la coltivazione della cannabis? L’app e la piattaforma Grow with Jane sono lo strumento perfetto per pianificare e monitorare le tue colture. Otterrai un diario completo delle piante o Growlog con tutte le tue foto, dati, promemoria e note. Tutto in un unico posto.

Visualizzazione Home dell'app "Grow with Jane"

“Grow with Jane”, l’app per la coltivazione domestica della cannabis.

Tieni traccia delle tue attività e alberi.

Pianifica in anticipo impostando promemoria ripetibili .

Ottenere intuizioni intelligenti personalizzato per il tuo raccolto.

Condividi il tuo lavoro con una comunità di individui affini mentre imparare a crescere meglio.

Ottieni Grow with Jane

Raccogli cannabis a casa

Le tue piante sono finalmente pronte, o è quello che pensi. Come sapere quando raccogliere le tue piante di marijuana? Basta guardarli e ti mostreranno!

Quando raccogliere le mie piante di marijuana

I pistilli sono quei piccoli “peli”. Iniziano bianchi e man mano che la pianta matura, divengono più scuri e arricciati fino a quando non sono marroni. I tricomi sono piccole ghiandole di resina (quel “gelo”) e cambiano anche colore man mano che maturano.

Bocciolo di cannabis con tricomi bianchi
Tricomi bianchi di erba di cannabis. PH: caliz-sq

Avrai bisogno di una lente d’ingrandimento per vederli correttamente, sembrano lecca-lecca. I tricomi iniziano in modo chiaro e trasparente. Quando diventano bianco latte e alcuni di loro sono ambra, questo è il momento migliore per raccogliere. Se sono tutti ambrati / marroni, probabilmente è troppo tardi.

Guarda sempre le tue gemme con un loupe o una lente d’ingrandimento e cerca:

Pistilli
  • 50-70% marrone – marijuana giovane e leggera
  • 70-90% marrone – marijuana matura e pesante
  • 90-100% marrone – marijuana affilata e pesante
Tricomi
  • Tricomi chiari: aspetta un po ‘più a lungo
  • Tricomi bianco latteo/ambra – pronti per la raccolta
  • Tutti i tricomi ambrati – troppo aripe

Preferiamo guardare all’evoluzione del tricomio perché è un metodo più accurato. I pistilli possono cambiare colore a causa di modifiche ambientali come l’alta umidità e non necessariamente perché la pianta è pronta per la raccolta.

Come raccogliere piante di marijuana

Tagliare la pianta alla sua base, quindi fissarla (appesa a testa in giù) con un filo o simili. Tagliare le grandi foglie di ventaglio e tenere le foglie di zucchero con tricomi. Tagliare le gemme come desiderato prima di asciugare e polimerizzarsi.

Come asciugare la marijuana

Appendi l’intera pianta per asciugare a testa in giù con un filo o simili o appendi i singoli rami. Accendi un ventilatore e puntalo proprio sotto le gemme, mantenendo l’umidità intorno al 45% e la temperatura inferiore a 20º Celsius. Assicurarsi che la stanza sia buia e che la ventola dell’estrattore sia in funzione.

Il processo di essiccazione può durare 10 e 14 giorni. Guardali ogni giorno e assicurati che non cresce muffa. Se ne trovi un po’, taglia quel bocciolo e buttalo via prima che cresca su tutti i tuoi boccioli.

L’esposizione all’ossigeno e alla luce provoca la degradazione del THC. Per proteggere i tuoi preziosi boccioli, tienili in contenitori sigillati, in un luogo buio e sotto i 20 ° C.

Come curare la marijuana

Tenere quelle gemme in barattoli di vetro o simili e aprirle una volta al giorno fino a quando non vengono curate.

Non cercare di accelerare questo processo. Le gemme hanno bisogno di tempo per asciugarsi e curare per aumentare l’odore e far emergere i sapori del bocciolo (terpeni). La cura influisce sull’odore delle gemme scomponendo la clorofilla, rimuovendo il gusto dell’erba.