Completa questa lista di controllo per iniziare a coltivare Cannabis a casa!

Ecco una lista di controllo e una breve spiegazione di ogni elemento di cui hai bisogno per iniziare a coltivare la cannabis a casa. Una volta che hai questi, puoi coltivare erba, anche se non l’hai mai fatto prima.

lista di controllo per iniziare a coltivare cannabis
Cresci con la lista di controllo di Jane per iniziare a coltivare cannabis

Prima di iniziare la tua coltivazione, assicurati di avere pronti i seguenti elementi della lista di controllo:

Semi di cannabis

Ovviamente, per coltivare marijuana, l’elemento più importante sulla tua lista di controllo sono i semi di cannabis. Prova ad acquistarli da venditori affidabili o banche del seme.

Semi di cannabis fotoperiodici

I semi fotoperiodici possono produrre piante maschili o femminili.

La fase di fioritura nelle piante di cannabis fotoperiodiche inizia quando il programma di illuminazione cambia da 18/6 a 12/12 ore di luce / oscurità. All’esterno, inizieranno a fiorire quando le giornate si accorciano, di solito in autunno.

Semi di cannabis femminizzati

I semi di cannabis fotoperiodici femminizzati producono piante femminili che iniziano la fase di fioritura quando il programma di illuminazione passa da 18/6 a 12/12 ore di luce / oscurità. All’esterno, inizieranno a fiorire quando le giornate si accorciano, di solito in autunno.

Semi di cannabis autofiorenti

I semi di cannabis autofiorenti producono piante femminili che non necessitano di un passaggio fotoperiodico dalla fase vegetativa alla fase di fioritura. Sono progettati per iniziare la fioritura in un periodo di tempo prefissato, nonostante le condizioni ambientali e gli stimoli luminosi.

Questo rende la Cannabis Autofiorente una buona scelta per i coltivatori principianti. Non devono preoccuparsi di indovinare se la pianta è maschio o femmina o quando cambiare il fotoperiodo. Le piante di marijuana autofiorenti hanno cicli di vita fissi e più brevi (3 o 4 mesi), quindi si svilupperanno più velocemente dei ceppi fotoperiodici

Un ambiente in crescita con luce e flusso d’aria

Le colture di cannabis all’aperto che crescono nel suolo prosperano sotto la luce del sole, ma per quanto riguarda le coltivazioni indoor?

Un ambiente di coltivazione indoor può essere un secchio, una tenda, una scatola, un’intera stanza, lo chiami. Puoi coltivare erba in un ambiente piccolo o grande, ma avrai bisogno di luce e flusso d’aria per far prosperare le tue piante. Le piante di cannabis hanno bisogno di luce artificiale per vivere all’interno e ci sono molte opzioni sul mercato.

Inoltre, un termoigrometro, un termometro / igrometro combinato, è molto utile per monitorare i livelli di temperatura e umidità. Sono disponibili in formato tascabile e ti faranno risparmiare un sacco di problemi e tempo indovinando se le condizioni ambientali sono ottimali.

Le migliori luci per coltivare Cannabis

Prima di tutto, sconsigliamo le lampadine a incandescenza per coltivare erba in nessuna fase. Non sprecare le tue risorse cercando di crescere con loro.

La tua pianta ha bisogno di luce non appena esce dal terreno.

Le piantine di cannabis non sono ancora in grado di elaborare la luce ad alta intensità. Le luci a led o le luci di potenza inferiore sono migliori per questa fase. Una luce a spettro fredda (blu) è migliore per questa fase, poiché favorisce la crescita vegetativa.

Durante la prima settimana o due dopo che il seme è germogliato, puoi accendere la tua piantina con luci CFL. Puoi iniziare il processo di germinazione e non avrai ancora bisogno di potenti luci in crescita. Non aspettare troppo a lungo per averli perché ne avrai bisogno presto!

Quando la tua pianta raggiunge la fase vegetativa (1-2 settimane), assicurati di avere il tuo ambiente pronto, luci di coltivazione incluse.

Luci fluorescenti (CFL)

Queste sono una delle lampade più economiche e abbastanza efficaci per la coltivazione della cannabis. Consumano meno elettricità rispetto ad altre opzioni e producono meno calore e hanno uno spettro luminoso adeguato. Queste lampade sono adatte per le giovani piante perché non le bruceranno. Producono meno resa rispetto alle luci a LED ma sono molto più economiche.

CFL-light-cannabis
CFL coltiva le luci

Luci di crescita a scarica ad alta intensità (HID)

Gli HID più popolari per la coltivazione domestica della cannabis sono Metal Halide (MH) per la fase vegetativa e High-Pressure Sodium (HPS) per la fase di fioritura.

Lampade ad alogenuri metallici (MH) per la fase vegetativa

Le luci HPS sono eccellenti sia per la fase vegetativa che di fioritura e producono abbondanti raccolti. Vengono con un riflettore e una zavorra. Gli HPS sono più costosi delle lampade CFL e producono molto calore. Una buona ventilazione è fondamentale per ottenere buoni rendimenti in spazi ridotti.

Fai attenzione a scegliere le lampade in base al tuo spazio di crescita. Chiedere sempre al produttore o al venditore in merito all’area di copertura e allo scarico necessario.

HPS-sodio-cannabis
Pianta di cannabis che cresce con HPS (High Pressure Sodium)

Luci a LED

Coltivare Cannabis con luci a led è diventata una tecnica molto popolare negli ultimi anni. I pannelli luminosi a LED sono dotati di uno spettro completo di luce di cui la pianta ha bisogno per l’intero ciclo.

I pannelli LED producono rese più abbondanti rispetto ad altre opzioni. Non producono molto calore o rumore e sono molto resistenti, ma possono essere costosi all’inizio.

Le luci di coltivazione a LED sono disponibili in diverse presentazioni e spetta a ciascun coltivatore trovare la propria configurazione perfetta. Ogni pannello è diverso. Chiedi al produttore l’area di copertura e la distanza dalla pianta in modo da sfruttarla al meglio.

Pannello LED per vegetativa e fioritura

Ventilazione

Il tuo ambiente di crescita (tenda, stanza, box) deve avere un flusso d’aria pulito e costante.

Per fare ciò, il modo più semplice è mettere una ventola di esaurimento o un dispositivo di raffreddamento sulla parte superiore della tenda e far entrare l’aria passivamente dal fondo dell’ambiente.

ventilatore di scarico di raffreddamento
Ventilatore o dispositivo di raffreddamento di esaurimento

Contenitore (tazze, pentole, secchi) per la coltivazione della cannabis

Puoi iniziare a coltivare la cannabis in contenitori di diverse dimensioni, da una piccola tazza a vasi e secchi giganteschi. La dimensione dei contenitori definirà in ultima analisi la dimensione della pianta. È importante avere fori di drenaggio adeguati sul fondo del contenitore, in modo che l’acqua in eccesso possa defluire. Senza un adeguato drenaggio, la pianta soffrirà di marciume radicale, funghi e molti altri problemi.

Fai attenzione a scegliere un contenitore in base al tuo spazio di crescita. Presta attenzione alla sua altezza, dovrai mantenere una distanza ragionevole dalla cima della pianta alla tua luce crescente. Tenere presente una distanza di almeno 30 cm per alcune luci.

Una pianta di cannabis che cresce da una lattina di chip
Pianta di cannabis che cresce in lattina di chip
Fase vegetativa della cannabis - settimana 5
Piante di cannabis che crescono in vaso

Mezzi di coltivazione

Un altro elemento importante nella tua lista di controllo di cui hai bisogno per iniziare a coltivare la cannabis è il mezzo di coltivazione.

Le principali funzioni e requisiti di un mezzo di crescita sono: fornire supporto fisico alla pianta, consentire la respirazione delle radici e mantenere l’acqua e i nutrienti disponibili per la pianta.

Finché le radici avranno spazio, la giusta quantità di acqua, una buona aerazione e nutrienti disponibili, la tua pianta crescerà stabile e sana. Se uno di questi fattori manca, la pianta sperimenterà problemi crescenti.

Un terreno di coltura, noto anche come substrato, è il materiale o la miscela in cui le radici della tua pianta crescono e prosperano, ad esempio, terreno, cocco, acqua, ecc.

Coltivazione di cannabis in miscela di terreno

Miscela di terreno è un ottimo mezzo per iniziare a coltivare erbe infestanti, a condizione che abbia il giusto equilibrio tra solidi (materia organica e inorganica) e spazi vuoti, dove scorreranno aria e acqua.

L’aerazione è un fattore chiave per mantenere le radici sane. Per evitare la compattazione del suolo, è necessario aggiungere materiali come perlite, vermiculite o cocco così le radici possono svilupparsi negli spazi dei pori tra le particelle solide. La materia organica come il compost e le colate di vermi forniscono alcuni nutrienti affinché le tue piante inizino a crescere.

Anche le miscele di terreno con muschio di torba funzionano alla grande, ma hanno bisogno di un po ‘di dolomite per bilanciare il pH e non hanno i nutrienti di cui la tua pianta ha bisogno, quindi dovrai fornirli.

Preparare il terreno per iniziare a coltivare la cannabis
Preparare il terreno con perlite per la coltivazione della cannabis

Altri substrati di coltivazione – non consigliati ai principianti

Coltivazione di cannabis in fibra di cocco

La fibra di cocco è composta da fibra di buccia di cocco ed è nota per essere un eccellente mezzo di crescita. Puoi usarlo da solo o mescolato con terra e perlite per una migliore aerazione. È ottimo per evitare la compattazione del suolo e per trattenere acqua e sostanze nutritive senza affogare le radici. Coltivare in cocco ha molti vantaggi, ma è necessario ricercare e provare metodi diversi prima di trovare quello perfetto per te. Richiede leggere, prendere appunti, misurare pH, EC e altre cose.

Poiché la fibra di cocco è un mezzo inerte, è fondamentale aggiungere costantemente la giusta quantità di sostanze nutritive per ogni fase. Segui attentamente le istruzioni del produttore. Prima di utilizzare il cocco, sciacqualo, tamponalo e mescolalo con perlite per evitare carenze di calcio e magnesio. Non raccomandato per i coltivatori alle prime armi.

Coltivazione di cannabis in coltura idroponica

La “coltura idroponica” include molti metodi popolari ed efficaci per la coltivazione della cannabis, in cui le radici delle piante sono esposte a una soluzione di acqua infusa di nutrienti e pompata ad aria.

Puoi scegliere tra diverse configurazioni, come la coltura in acque profonde, il flusso e riflusso o il sistema di gocciolamento per nominarne alcune.

Esistono anche molti tipi di substrati per aiutare le radici ad ancorarsi. Alcuni di loro sono perlite, ciottoli di argilla e lana di roccia.

L’idroponica è uno dei metodi più produttivi per ottenere grandi raccolti in pochi mesi, ma non lo consigliamo adesso se questa è la prima volta che coltivi marijuana.

canapa idroponica di base
Configurazione idroponica di base – HPS 400 W.

Nutrienti per la coltivazione della cannabis

Diverse marche di fertilizzanti offrono kit di fertilizzanti appositamente formulati con i nutrienti essenziali per ogni fase. Si consiglia di iniziare con la dose indicata dal produttore o anche un po ‘più bassa per evitare la saturazione. Aumentare gradualmente le quantità fino a ottenere i risultati desiderati.

Fai attenzione che se superi le quantità richieste, la pianta può subire stress, danni, persino morire per un eccesso di fertilizzazione.

acqua

L’ultimo elemento fondamentale nella lista di controllo di cui hai bisogno per iniziare a coltivare la cannabis è. Prima di iniziare la coltivazione, assicurati di poter accedere a una fonte d’acqua.

Di solito va bene l’acqua del rubinetto, purché non sia “acqua dura” (alta concentrazione di sostanze minerali).

Un pH dell’acqua intorno a 6-7 è perfetto per la coltivazione nel terreno. Se l’acqua del rubinetto ha un livello di pH diverso, puoi regolarlo con i prodotti. Per sorgenti di acqua di rubinetto con alti livelli di cloro. Lascia riposare l’acqua in un secchio o in una bottiglia per far evaporare il cloro. L’acqua clorata può essere dannosa per le piante.

L’acqua di osmosi inversa è una buona opzione per crescere. Tieni presente che le piante potrebbero aver bisogno di calcio e magnesio extra nei loro programmi nutritivi, insieme ad altri micro e macronutrienti.

Ho tutti gli elementi sulla lista di controllo per iniziare a coltivare cannabis! E adesso cosa?

Mentre ottieni tutto ciò di cui hai bisogno, è una buona idea iniziare a imparare come coltivare la cannabis.

Leggi questi articoli del blog sulla coltivazione della cannabis per saperne di più su questi argomenti e su come prenderti cura delle tue piante.

Quando si coltiva la cannabis, è estremamente importante pianificare in anticipo e tenere traccia di date, programmi di nutrienti e irrigazione, formazione e molto altro. Ecco perché abbiamo sviluppato l’app Grow with Jane, uno strumento molto utile per i coltivatori domestici di cannabis.

Se stai già utilizzando l’app Grow with Jane, ricordati di spuntare tutti gli elementi nell’elenco di controllo non appena li ottieni! Continueremo a guidarti attraverso i primi passi di questa grande avventura di coltivare la tua Cannabis a casa.

Tutti una volta erano principianti e ci sono molte cose che tutti vorremmo che qualcuno ci avesse detto allora. Condividiamo questa conoscenza e sviluppiamo un’app per soddisfare le nostre stesse esigenze di coltivatori domestici di cannabis. Speriamo che vi piaccia!

Buona crescita!

Visualizzazione Home dell'app "Grow with Jane"

“Grow with Jane”, l’app per la coltivazione domestica della cannabis.

Tieni traccia delle tue attività e alberi.

Pianifica in anticipo impostando promemoria ripetibili .

Ottenere intuizioni intelligenti personalizzato per il tuo raccolto.

Condividi il tuo lavoro con una comunità di individui affini mentre imparare a crescere meglio.

Ottieni Grow with Jane